Quantum Art & Technology: START PRIZE 2017

La teoria “Quantum del cervello” afferma che il cervello costruisce immagini, suoni e sensazioni che rappresentano la probabilità di interazione del soggetto con l’ambiente circostante. Quello che si vede, si sente e percepiamo è una simulazione della realtà oggettiva, generata dalla funzione biologica di espressione quantistica del cervello.

La partecipazione di EGOCREANET, allo Starts-Prize 2017, si concentrerà su come il cambiamento del significato della “Quantum-percezione visiva” avrà un grande impatto sulla creatività di espressione pittorica, e sulla musica-empatia e più in generale sul contemporaneo dell’arte ed inoltre per migliorare l’innovazione della tecnologia virtuale ed aumentata.

Il progetto di EGOCREANET, durante l’anno 2017, proporrà nuove attività per migliorare un mix di comunicazione interdisciplinare tra il movimento internazionale di arte quantistica e la tecnologia di entrambi i campi della realtà virtuale e aumentata. La pietra miliare del progetto sarà basata sull’organizzazione di un congresso internazionale organizzato da EGOCREANET, sul tema: “Quantum percezione visiva e l’innovazione d’arte contemporanea”, che si terrà in un solo giorno a Firenze nell’anno 2017
(Data e luogo sono da definire).

The “Quantum Brain” theory states that the brain builds images, sounds, and sensations that represent the probability ‘of interaction of the subject with the surrounding environment. As we see, we hear and feel it is a simulation of reality ‘objective, generated by the biological function of quantum expression of the brain. The participation of EGOCREANET, to the Starts-Prize ’17, will focus on how the change of the meaning of the “Quantum Visual Perception” will have a great impact on the creativity of pictorial expression, and on the music-emphaty and more in general on the contemporary-art and to improve the innovation of virtual and augmented technology. The project of EGOCREANET, during the year 2017, will propose new activities to improve a cross-disciplinary communications mix between the international movement of quantum art and the technology of both, virtual and augmented reality. The project milestone will be based on the organization of a International congress organized by EGOCREANET , on the issue :”Quantum Visual Perception and innovation of contemporary art” that will be held in one day in Florence – 2017  (date and venue are to be decided ).
——————————————–


PAOLO MANZELLI
Director of LRE/EGO-CreaNet – University of Florence
EGOCREANET- VALIDATED EUROPEAN -PIC = 959882416
c/o BUSINESS INCUBATOR ,
POLO SCIENTIFICO UNIVERSITA’ di FIRENZE
50019 -SESTO F.no- 50019 Firenze-
Via Madonna dl Piano ,06

La comunicazione wireless

Il “Progetto di Comunicazione Globale – U.P.C. :  SEEbyWAP“, ideato da See  in stretta sinergia con:

  • Laboratorio di Ricerca Educativa, Università degli Studi di Firenze
  • Associazione telematica EgoCreaNET SEE Lombardia
  • Associazione scientifica per l’utilizzo interdisciplinare delle tecnologie multimediali – Fatateam

ha previsto la partecipazione attiva di Telecom Italia Mobile e di un pool di Aziende “pubbliche”.  Il target dei servizi erogabili, infatti, è rappresentato dai Cittadini.

§§§

Il telefono GSM si è evoluto integrando sempre maggiormente la fonia con i nuovi multimedia (sms – brevi messaggi di testo, e-mail, fax, voice-box, segreteria telefonica, ecc.); il vettore di comunicazione è ora in fase d’arricchimento di contenuti: servizi on demand, internet, wap, ecc..
Nello specifico qui illustreremo un Progetto di Ricerca Applicata avente per scopo lo studio delle potenzialità di comunicazione interattiva offerte dalle nuove “friendly technologies” applicate alla telefonia mobile per l’erogazione di Servizi ai Cittadini.
II Progetto qui descritto è inteso ad “incentivare la creazione della prossima generazione di servizi d’interesse generale di facile impiego, affidabili, economicamente efficaci e interoperabili, in grado di rispondere alle esigenze degli utenti, in particolare per quanto riguarda l’accesso alle informazioni a
prescindere dal luogo e dal momento”, in sintonia con le direttive elaborate dall’Unione Europea nel contesto dei propri Piani Strategici 5° Programma Quadro 1999-2003.
In tal modo l’utente potrà disporre di molteplici punti di contatto con le strutture erogatrici di Servizi di pubblica utilità, avendo massima flessibilità nella scelta del canale ritenuto più adatto a soddisfare le necessità di una propria corretta informazione.

§§§

Il pool di ricerca, qui rappresentato, da anni si occupa di Comunicazione ed Educazione Permanente.
E’ dal 1995, infatti, che grazie ad una serie di Progetti di Ricerca Nazionali ed Internazionali si sta studiando l’interazione delle tecnologie digitali multimediali con le modalità di apprendimento degli individui. Proprio in questo contesto di studi universitari è nato il Progetto di Comunicazione Globale, rappresentato tramite il server internet www.see.it e First Channel Network .
Nel divenire degli studi l’osservazione comportamentale ed antropologica ha suggerito di integrare le metodiche di comunicazione normalmente utilizzate, proprio grazie all’uso delle potenzialità offerte dalla telefonia mobile wireless.
Si è conseguentemente sviluppato il concetto di “Unità Personale di Comunicazione” . Con tale definizione si è inteso rappresentare lo strumento tecnologico “minimo” atto all’interconnessione personale con una struttura comunicativa, sia essa in fonia o in dati. Il “telefonino”, allo stato attuale
dell’arte, contiene in fieri questa potenzialità.
Per dar corso ad una fase di pre-sperimentazione (1997-1998) si è optato di analizzare un ristretto numero di U.P.C. fra loro interconnessi in “lista di distribuzione”…

Se desiderate conoscere la nascita dei concetti che hanno permesso la creazione degli attuali smartphone, leggete “La Comunicazione Wireless” .

Trasformazione del processo produttivo

Per superare la crisi strutturale è oggi necessaria una innovativa modifica degli assetti e delle modalità di produzione di beni e di servizi . Infatti l’organizzazione dei fattori di produzione territoriali, per competere nella globalizzazione, necessita di una profonda rigenerazione dei fattori di produzione in sistemi
coordinati in una struttura a rete, capace di correlare lo sviluppo tra ricerca ed impresa, entrambe finalizzate a rilanciare la crescita locale della produzione e dello sviluppo socio-economico ed ambientale.
Le abituali risposte anti-crisi alle periodiche decrescite economiche, oggi non sono più sufficienti ; pertanto a livello territoriale occorre perseguire una crescita guidata dalla organizzazione a Rete Regionale di Poli Tecnologici, quali quelli promossi dalle strategie di innovazione e sviluppo della Regione Toscana che indirizzano vari settori produttivi, verso una loro riorganizzazione funzionale al superamento della crisi ambientale ed economica facendo particolare attenzione all’innovazione dei settori di produzione “tecnologicamente maturi” i quali rischiano una sempre più grave e generalizzata decrescita che progressivamente conduce all’effettiva loro esclusione del mercato globalizzato.
Lo sviluppo delle tecnologie emergenti quali sono le “nano- e le bio-tecnologie” hanno la potenzialità di accrescere l’efficacia nell’uso delle materie prime e dell’energia, consentendo una crescita del valore aggiunto al sistema produttivo dei beni e servizi, basato sulla collaborazione nel quadro della ri-organizzazione dei Poli di Sviluppo Regionali.

tratto da “Trasformazione del processo produttivo di beni e servizi a rete” – 2011 – Paolo Manzelli, Direttore LRE Università di Firenze

Per invecchiare meglio pensiamoci da giovani

2001 Program “ECM – BHC on line”

Blu.Es Virtual University

Brain Health Care knowledge network ©

Il network di partners ECM-Brain-Health-Care è finalizzato ad integrare e promuovere un approccio olistico ed interdisciplinare nell’atteggiamento professionale del medico e nella pratica della medicina,  per dare vita a modelli cognitivi adatti a favorire la salute mentale,  utili sia nell’attività professionale del medico che nella medicina preventiva.

Il Contesto Operativo

Educazione Continua dei Medici

Progetto Brain Health Care On Line (salute mentale in rete)

prof. Paolo MANZELLI 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara che il trend epidemiologico delle malattie mentali si conferma in costante aumento. I fattori che possono incidere sulla salute mentale dell’individuo hanno una provenienza multipla: genetica, ambientale, psicobiologica e sociale , come dimostrato dalle ricerche più recenti.
Le malattie mentali determinano sofferenza individuale e dei Sistemi sociali , invalidità permanenti ed anche costi economici elevati.
Partendo da queste considerazioni e dal lancio del “Programma di Educazione Continua in Medicina” (ECM) del Ministero della Sanità, si costituisce un network di Partners aggregato dal LRE-EGO-CreaNET della Università di Firenze con il proposito di dar vita ad un metodo di Formazione Permanente del Medico per tramite il progetto di educazione in rete telematica interattiva, comprensivo di seminari in presenza organizzati periodicamente, di cui quello qui ricordato è parte integrante.

Network

Il network di partners ECM-BHC è finalizzato ad integrare e promuovere un approccio olistico ed interdisciplinare nell’atteggiamento professionale del medico e nella pratica della medicina, per dare vita a modelli cognitivi adatti a favorire la salute mentale, utili sia nell’attività professionale del medico che nella medicina preventiva.

Medici

Il network di educazione continua sarà reso possibile traendo spunto dalle stesse esperienze dei medici, al fine di trasformarne interattivamente l’informazione in rinnovate conoscenze e in comunicazione creativa, che permetterà di convertire, in “intelligenza connettiva”, tutti i ricavati cognitivi ottenibili dall’analisi dei sintomi e dei prodromi della malattia mentale, in valide ed innovative terapie cliniche cosi come nella comune pratica attuativa in medicina.
In tal guisa il Network affiliato al Programma ECM-BHC è orientato a promuovere la migliore possibile formazione in rete telematica interattiva per la prevenzione e la cura della salute mentale e per la promozione di elevati standard di etica e competenza e condotta professionale dei medici , integrando le terapie mediche e farmacologiche piu avanzate con la diffuzione e divulgazione delle conoscenze e delle metodologie piu’ adeguate allo scopo di migliorare, mantenere e proteggere la salute dei cittadini cosi come il miglior stile e qualità della vita.dei pazienti e degli stessi medici .

Principi

I contenuti della formazione continua tratteranno prevalemetemente i temi riguardanti la salute mentale, dalle basi neurobiologiche alla gestione dei problemi psicologici e sociali, mentre il livello di approfondimento sarà appropriato per le esigenze professionali del medico di medicina generale.
l network di partners affiliati dal LRE/EGO-CreaNET della Università di Firenze per il Progetto ECM-BHC OnLine ( salute mentale in rete) persegue e lavora attuando i seguenti principi e linee di guida, per incoraggiare la responsabilita e la coscienza individuale e sociale dei medici nel servire al meglio la comunita’ tramite l’ aggiornamento continuato ed interattivo delle conoscenze sul cervello e la evoluzione della mente umana :
  • il Giuramento di Ippocrate
  • le indicazioni della WHO ( World Health Organization)
  • le dichiarazioni programmatiche della WMO ( Workd Medical Organisation)
Tali linee di guida vengono acquisite e divulgate allo scopo di :
  • tenere alta la attenzione del personale medico alla promozione della salute mentale
  • a collaborare per l’avanzamento delle conoscenze scientifiche sul cervello e la mente umana
  • promuovere la educazione continua e la diffusione delle conoscenze per favorirne lo sviluppo
  • potenziare a livello nazionale europeo ed internazionale un ampio dialogo sulle problematiche della salute mentale tramite la fondazione della Virtual BLU ( Business Labour University) finalizzata a cooperare con simili attività a livello mondiale.

Convegno di Studio

2001 Program “ECM – BHC on line”
Blu.Es Virtual University
 
Convegno di Studio 

b2b health care: 
brain to body and body to brain © 

( Per invecchiare meglio pensiamoci da giovani ) 
Sabato, 2 giugno 2001, ore 9.00 – 13.30
c/o Istituto Ortopedico Gaetano Pini
via Pini 9, Milano
Organizzato da :
  • Associazione Scientifica FATA Team
  • Associazione Scientifica EgoCreaNET-See Lombardia
  • Università degli Studi di Firenze LRE
con il Patrocinio:
  • Università degli Studi di Milano – Istituto per il Diritto allo Studio Universitario
L’invecchiamento della popolazione italiana ha determinato un incremento delle patologie dell’apparato locomotore e del sistema nervoso.
Il progresso scientifico e tecnologico ha portato all’avanzamento diagnostico e terapeutico, migliorando la qualità della vita nella terza età. Tuttavia gli elevati costi sociali legati all’assistenza ed alla cura hanno indotto le istituzioni a trovare nuovi modelli di organizzazione sanitaria.
Ai fini di un’ottimale interazione funzionale tra ospedali, medici di base e territorio, oltre all’adeguamento delle strutture e dei modelli gestionali, è fondamentale un nuovo approccio alla problematica ed un costante aggiornamento del personale dedicato all’assistenza.
Obiettivo di questa giornata di studio è di mettere a confronto coloro che a diverso titolo stanno contribuendo allo sviluppo sanitario nel terzo millennio.

MODERATORI E RELATORI

Giovanni Marra – Presidente Consiglio Comunale di Milano
Umberto Fazzone – Direttore Generale Ass. famiglia e Solidarietà Sociale Regione Lombardia
Luca Merlino – Direzione Generale Sanità Regione Lombardia
Mario Dell’Oca – Direzione Generale Sanità Regione Lombardia
Marta Rossi – Consigliere CESES Italia, già vice presidente Pio Albergo Trivulzio
Stefano Capolongo – Dipartimento DI.TEC Politecnico Milano
Giancarlo La Maida – Direttore Unità Operativa di Neurologia Istituto Ortopedico Gaetano Pini
Dario Capitani – Direttore Divisione di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Niguarda Cà Granda Milano
Giovanni Peretti – Direttore II Clinica Ortopedica e Traumatologica Università degli Studi di Milano
Walter Albisetti – Centro Studi e Ricerche dei Biomateriali Università degli Studi di Milano
Pietro Randelli – Istituto di Clinica Ortopedica Università degli Studi di Milano
Flavio Fantini – Direttore Cattedra Reumatologia Università degli Studi di Milano
Antonio Marchesoni – Cattedra Reumatologia Università degli Studi di Milano
Aldo Edoardo Tammaro – Primario Emerito di Geriatria Pio Albergo Trivulzio, Coordinatore Sanitario Fondazione Giuseppe Verdi Milano
Feliciantonio Di Domenica – Direttore Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione Istituto Ortopedico Gaetano Pini
Claudio Cappadonia – Fisiatra Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione Istituto Ortopedico Gaetano Pini
Laura Volontè – Scuola di Specializzazione Medicina Fisica e Riabilitazione Università degli Studi di Milano
Mario Giuliacci – Direttore Centro Meteo Epson Milano
Cinzia Negri Chinaglia – Responsabile Centro Alzheimer Pio Albergo Trivulzio
Paolo Manzelli – Direttore Laboratorio Ricerca Educativa Università degli Studi di Firenze
Fabrizio Pantè – Direttore Generale “Sistema Milano” per la Sperimentazione della Rete Ospedaliera
Adelio Schieroni – Presidente Associazione Scientifica FATA Team, EgoCreaNET-See Lombardia
*
*

b2b brain to body and body to brain © 2001
see, seeb2bhealthcare & Scientific Association FATA Team

Arte Quantistica & Realtà Aumentata: verso orizzonti di ben-essere

Il Progetto/Programma <quARte> come @DRIVER OF CHANGE


Da un punto di vista teorico l’Exhibition-Conference si fonda sul bridging (creazione di ponti tra diverse discipline) e sul bonding-glocale (rafforzamento dei legami tra identità, appartenenza locale e globalizzazione) che nel Progetto EGOCREANET 2013 vengono orientati ed armonizzati in un insieme teso a sperimentare una nuova sintesi tra “forma culturale innovativa dell’Arte quantistica” e “sostanza del cambiamento dello sviluppo economico-culturale”. Ciò è ottenibile anche tramite un’estesa utilizzazione dei sistemi di comunicazione della Realtà Aumentata per attuare una global challenge finalizzata a creare un complesso dove tutto si tiene insieme (“un système où tout se tient”).

I Protagonisti dell’Evento
Casciana Terme, 2013
Convegno quARTe

Pertanto l’Exhibition-Conference “Arte Quantistica & Realtà Aumentata: verso orizzonti di ben-essere” ha attuato una sperimentazione di come la creatività possa immaginare ed evolvere nuovi modelli di sviluppo mediante esperienze iniziali volontarie interattive e collaborative. A tal fine sono stati messi a punto nuovi modelli di competenze (capacity trans-disciplinary building up) necessari per dare una rinnovata impronta Rinascimentale contemporanea alla cultura ed allo sviluppo “glocale” fondato sulla creatività ed il benessere.

“Arte Quantistica & Realtà Aumentata: verso orizzonti di ben-essere”
31 maggio – 1, 2 giugno 2013
Casciana Terme (PI)

Il programma completo dell’Evento: quARte_programma_vers_4-2

Cervello ed Arte e Scienza Quantistica

“Cervello ed Arte e Scienza Quantistica”:  per rinnovare la percezione dell’arte contemporanea

 Paolo Manzelli Presidente di EgocreaNet ( Onlus di R&S )

 

Le teorie che perseguono una linearità interpretativa del rapporto tra sensazione e percezione cerebrale spesso conducono a confondere la percezione della realtà con la realtà stessa. Ciò depriva la mente della naturale creatività perché induce a considerare la interpretazione cognitiva del mondo percepito, come se fosse  esattamente il mondo reale anziché quello che e stato cerebralmente percepito. Diversamente gli scenari visivi e sensoriali che percepiamo sulla base della Teoria del “Quantum Brain” , sviluppata da Egocreanet , non corrispondono alla realtà oggettiva ma alla probabilità di possibili interazioni future nell’ambiente che rappresentiamo come immagini e sensazioni costruite dal nostro cervello.
L’approccio innovativo alla sensorialità – percettiva , basata sulla attività di tipo quantistico del cervello, insegna a non reagire ai costrutti della mente come se fossero realtà. Il convincimento del fatto che ciò che vediamo e sentiamo sia reale ed oggettivo, conduce psichicamente allo “stress cognitivo comportamentale ”, causato dal reagire con modalità di stimolo – risposta ad una quantità di compiti cognitivi, emotivi o sociali, che l’individuo percepisce come problematici, anziché a quello di immaginare soluzioni alternative che possano modificare la probabilità di ciò che percepiamo mentalmente.
Proprio al fine di imparare a non reagire meccanicamente agli stimoli visivi e percettivi come se essi fossero la realtà ed altresì attivare la naturale creatività nel dare nuovi significati agli stimoli percettivi, il programma “quARte “ di
Arte e Scienza Quantistica per lo sviluppo della comunicazione nella Realtà Aumentata” , si propone di offrire validi strumenti, concettualmente innovativi, capaci di favorire soluzioni di realtà aumentata sia per arte che per la scienza, generando un nuovo immaginario utile per superare le sfide della vita sociale ed economica contemporanea.

Questo il testo integrale dell’intervento: Cervello_ed_Arte_e_Scienza_Quantistica

Cultura e Comunicazione Scientifica alla portata del Cittadino

Cultura e Comunicazione Scientifica alla portata del Cittadino
Qualita’ e certificazione delle informazioni: l’esperienza di tre anni di studi
di Emilio Giuliano Bacigalupo(*) , Aldo Benzoni (#) , Adelio Schieroni (%)
(*) Specialista in Energetica Ambientale ed autore di oltre 100 articoli scientici
(#) Conexus – Associazione Scientica FATA Team
(%)Istituto Ortopedico Gaetano Pini – Associazione Scientica FATA Team

Relazione presentata al Convegno
“EGO~CreaNET European Meeting: La cultura dell’interrattività e lo sviluppo creativo” – Firenze, maggio 1997

La Pubblica Amministrazione è un fattore fondamentale di sviluppo del Paese, eppure nel suo complesso questa risorsa viene spesso giudicata negativamente.
Cosa assai differente avviene, invece, nel caso in cui si focalizzasse il discorso su una sua componente specifica e rappresentata dall’informatica pubblica.
Essa si occupa dello sviluppo e dell’interconnessione dei sistemi informativi automatizzati con l’obiettivo di migliorare sempre maggiormente i servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione, aumentando la trasparenza degli atti, contribuendo anche a ridurre i costi gestionali e produttivi, nell’orientamento di voler migliorare le prestazioni erogate ai Cittadini.
L’attività della Pubblica Amministrazione è stata più volte analizzata con schemi e modelli assai diversi: nel contesto di questa nota si suggerisce di utilizzare uno schema che, seguendo le indicazioni espresse dal D.Lgs. 39/93, assegni un ruolo centrale all’informazione.
Applicando questo schema, l’attività della P.A. viene definita in termini di informazioni acquisite e di informazioni cedute e, ai fini del controllo, l’informazione è rappresentata dallo scostamento fra gli obiettivi previsti dalle norme e attesi dai cittadini e dalle imprese.

L’importanza dell’informazione non si esaurisce, conseguentemente, nel processo produttivo della P.A. ma rappresenta un bene pubblico: una esternalità che solo la P.A. può mettere a disposizione della collettività.

Qui il testo integrale della RelazioneCultura_e_Comunicazione_Scientifica_alla_portata_del_Cittadino