Arte Quantistica & Realtà Aumentata: verso orizzonti di ben-essere

Il Progetto/Programma <quARte> come @DRIVER OF CHANGE


Da un punto di vista teorico l’Exhibition-Conference si fonda sul bridging (creazione di ponti tra diverse discipline) e sul bonding-glocale (rafforzamento dei legami tra identità, appartenenza locale e globalizzazione) che nel Progetto EGOCREANET 2013 vengono orientati ed armonizzati in un insieme teso a sperimentare una nuova sintesi tra “forma culturale innovativa dell’Arte quantistica” e “sostanza del cambiamento dello sviluppo economico-culturale”. Ciò è ottenibile anche tramite un’estesa utilizzazione dei sistemi di comunicazione della Realtà Aumentata per attuare una global challenge finalizzata a creare un complesso dove tutto si tiene insieme (“un système où tout se tient”).

I Protagonisti dell’Evento
Casciana Terme, 2013
Convegno quARTe

Pertanto l’Exhibition-Conference “Arte Quantistica & Realtà Aumentata: verso orizzonti di ben-essere” ha attuato una sperimentazione di come la creatività possa immaginare ed evolvere nuovi modelli di sviluppo mediante esperienze iniziali volontarie interattive e collaborative. A tal fine sono stati messi a punto nuovi modelli di competenze (capacity trans-disciplinary building up) necessari per dare una rinnovata impronta Rinascimentale contemporanea alla cultura ed allo sviluppo “glocale” fondato sulla creatività ed il benessere.

“Arte Quantistica & Realtà Aumentata: verso orizzonti di ben-essere”
31 maggio – 1, 2 giugno 2013
Casciana Terme (PI)

Il programma completo dell’Evento: quARte_programma_vers_4-2

Cervello ed Arte e Scienza Quantistica

“Cervello ed Arte e Scienza Quantistica”:  per rinnovare la percezione dell’arte contemporanea

 Paolo Manzelli Presidente di EgocreaNet ( Onlus di R&S )

 

Le teorie che perseguono una linearità interpretativa del rapporto tra sensazione e percezione cerebrale spesso conducono a confondere la percezione della realtà con la realtà stessa. Ciò depriva la mente della naturale creatività perché induce a considerare la interpretazione cognitiva del mondo percepito, come se fosse  esattamente il mondo reale anziché quello che e stato cerebralmente percepito. Diversamente gli scenari visivi e sensoriali che percepiamo sulla base della Teoria del “Quantum Brain” , sviluppata da Egocreanet , non corrispondono alla realtà oggettiva ma alla probabilità di possibili interazioni future nell’ambiente che rappresentiamo come immagini e sensazioni costruite dal nostro cervello.
L’approccio innovativo alla sensorialità – percettiva , basata sulla attività di tipo quantistico del cervello, insegna a non reagire ai costrutti della mente come se fossero realtà. Il convincimento del fatto che ciò che vediamo e sentiamo sia reale ed oggettivo, conduce psichicamente allo “stress cognitivo comportamentale ”, causato dal reagire con modalità di stimolo – risposta ad una quantità di compiti cognitivi, emotivi o sociali, che l’individuo percepisce come problematici, anziché a quello di immaginare soluzioni alternative che possano modificare la probabilità di ciò che percepiamo mentalmente.
Proprio al fine di imparare a non reagire meccanicamente agli stimoli visivi e percettivi come se essi fossero la realtà ed altresì attivare la naturale creatività nel dare nuovi significati agli stimoli percettivi, il programma “quARte “ di
Arte e Scienza Quantistica per lo sviluppo della comunicazione nella Realtà Aumentata” , si propone di offrire validi strumenti, concettualmente innovativi, capaci di favorire soluzioni di realtà aumentata sia per arte che per la scienza, generando un nuovo immaginario utile per superare le sfide della vita sociale ed economica contemporanea.

Questo il testo integrale dell’intervento: Cervello_ed_Arte_e_Scienza_Quantistica