Comunicato Stampa Egocreanet 03/03/2020

Paolo Manzelli – Chimico-Fisico, Presidente Egocreanet (335/6760004)
Massimo Lucidi , Giornalista – Comunicazione di Egocreanet (339/8772770)

Ancor prima di giungere ad un disastro economico e sociale causato dalla incapacità di capire e gestire l’origine ambientale e le probabilità di diffusione delle mutazioni periodiche dei Corona Virus, come Cluster Egocreanet riteniamo importante proporre la seguente riflessione.

Si è affrontato il problema sanitario, culturale e sociale del COVIS-19 sulla base di concezioni obsolete con le quali si inizia ad es. con il ricercare il primo infettato (che normalmente non si trova), poi si applica la progressione geometrica per ottenere un risultato simile a quando l’Economia del Faraone dell’antico Egitto fu messa in cisi dalla progressione dei chicchi di riso su una scacchiera.

Ragionando in questo modo, simile alla sequenza di una catena di montaggio tra contatti ravvicinati, si esclude a priori la influenza di interazione epigenetica con l’habitat naturale e sociale, che conduce a modificare le peculiari proprietà di virulenza e di diffusione del focolaio virale locale.

I Virus infatti, non essendo capaci di riprodursi, innestano la loro sequenza nel DNA o nel filamento di RNA dell’ospite e,nel periodo di incubazione, si adattano al processo di interazione dinamica tra l’informazione genetica ed epigenetica che è in grado di rimodulare le attività genomiche risultanti – e di conseguenza quelle molecolari trascritte – che delineano la effettiva viralità e le modalità locali di diffusione del Virus COVID 19.

L’estrema specializzazione genetica e microbiologica disciplinare dei virologi sembra poter ignorare che la pericolosità dei Virus viene “regolata da fattori di informazione epigenetica che rendono il COBIS-19 con proprieta localmente diverse”, relative e ciascun ambiente naturale culturale e sociale umano.

Se infine si riflette sul fatto che anche la politica è divenuta una nuova professione si comprende come la vecchia concezione di un sapere “iper-specialistico” e sostanzialmente obsoleto, determini la condizione di ignoranza diffusa che ha reso il COVIS-19 un danno economico socialmente più pericoloso della sua contaminazione virale sulla salute.

EGOCREANET , trattera di queste importanti temi di riflessione al Convegno su:

GREEN CULTURE INNOVATION del 27-03/2020 in Firenze c/o la Sala “Spadolini” del Consiglio Regionale Toscano in Via Cavour 04 Firenze-centro.

Il Convegno è Gratuito previa Iscrizione per email a:


PAOLO MANZELLI
Director of LRE/EGO-CreaNet – University of Florence
EGOCREANET- VALIDATED EUROPEAN -PIC = 959882416
c/o BUSINESS INCUBATOR ,
POLO SCIENTIFICO UNIVERSITA’ di FIRENZE
50019 -SESTO F.no- 50019 Firenze-

Share

Il cambiamento climatico e la sostenibilità della vita

Il cambiamento climatico e la sostenibilità della vita nel nuovo paradigma della economia circolare

Con il cambiamento climatico e l’inquinamento dell’acqua, dell’aria e della terra provocato dalla accelerazione della combustione di combustibili fossili, l’uomo sta delineando un nuova dimensione della sosteninilità della vita sul nostro pianeta.
Per poter gestire intelligentemente tale cambiamento, prima che diventi irreversibile, è necessario modificare e rielaborare la cultura derivata dal riduzionismo meccanico e lineare della scienza e ri-interpretarne la visione culturale nel quadro innovativo della cosiddetta economia circolare della vita. http://www.caosmanagement.it/725-vita-circolare

Quale determinante del cambiamento della visione culturale della vita è la comprensione del fatto che i sistemi viventi sono principalmente composti di acqua; cosi ad esempio quando compriano un chilo di mele, o di pere, dovremmo essere coscienti che compriamo circa 850 grammi di acqua e una buona precentuale di zuccheri derivati principalmente dalla fotosintesi clorofilliana che per reazione forochimica trasforma “Acqua e CO2” in Zuccheri ed Ossigeno.

Anche l’Uomo, come tutti gli esseri viventi, è prevalentemente composto di acqua; la composizone del bambino appena nato è dell’84% di acqua che poi con la crescita e l’alimentazione diminuisce stabilizzandosi attorno al 60%. Calo percentuale derivato a seguito dell’aumento dei tessuti muscolari e grassi, derivati dalla riconversione genetica dell’alimentazione.

Pertanto il capire quanto sia fondamentale la qualità dell’acqua nella composizione della vita dell’uomo, degli animali e delle piante e batteri è una problema essenziale per favorire il cambiamento culturale dal riduzionismo meccanico e lineare della scienza al fine di realizzare una nuova cultura della sostenibilità della vita sul nostro pianeta.

A tal scopo il Cluster Egocreanet ha organizzato in collaborazione con FEN-IMPRESA.Firenze il Seminario del 18 Ottobre 2019 sul tema <L’ACQUA e LA VITA>. L’evento si svolgerà a Firenze, nella Sala Del Consiglio Regionale Toscano il via Cavour,4
In questo contesto il Prof. Gerald Pollack, (del Centro di Ricerca ed Innovazione sull’Acqua di Seattle – U.S.A.), terrà la sua Lezione Magistrale dal titolo “IL QUARTO STATO DELL’ACQUA”

G.Pollack:
https://www.youtube.com/watch?v=p9UC0chfXcg

NB: Il Seminario su L’ACQUA e LA VITA è Gratuito previa iscrizione via e mail a:

< egocreanet2016@gmail.com >

Prof. Paolo Manzelli
Director of LRE/EGO-CreaNet – University of Florence
EGOCREANET- VALIDATED EUROPEAN – PIC = 959882416
c/o BUSINESS INCUBATOR
POLO SCIENTIFICO UNIVERSITA’ di FIRENZE

Share